FIRENZE, 16 giugno – Società Canottieri “Firenze” due volte campione d’Italia Under 23 lo scorso fine settimana a Sabaudia, dove la kermesse tricolore si è svolta in concomitanza con l’assegnazione dei titoli Ragazzi. Sul lago di Paola, prestazione maiuscola dei ragazzi allenati dal direttore tecnico biancorosso Luigi De Lucia e vincitori del titolo italiano di categoria nel quattro senza e nell’otto. Due gare estremamente diverse tra loro, ma con il comun denominatore dell’epilogo: il successo finale.

 

Il primo titolo lo regalano nella Barca degli Dei, che finisce nella bacheca del Ponte Vecchio per il quarto anno consecutivo, Neri Muccini, Leonardo Pietra Caprina, Pietro Zileri – cavallo di ritorno dagli Stati Uniti, dove ha studiato e si è allenato un anno arrivando a vincere i Campionati Americani con la sua Università nella specialità dell’otto – e Stefano Oppo, capaci di sbriciolare la concorrenza. Non inganni infatti il poco distacco – rispettivamente due e tre secondi – inflitto a Lario e Limite che completano il podio: l’armo fiorentino ha tenuto la testa della corsa da metà gara sino alla fine, controllando gli attacchi degli avversari e arrivando sul traguardo tutt’altro che in affanno.

 

Nell’otto, dove insieme ai cavalieri del quattro senza remavano Lapo Corenich, Alberto Dini, Dario Favilli, Jacopo Mancini e il timoniere Niccolò Mancusi, la lotta con le Fiamme Gialle è stata serrata fin

o ai 300 metri dall’arrivo, quando l’equipaggio della Finanza, avanti in quel momento e favoriti nel rush finale, ha avuto un problema tecnico che ne ha compromesso lo sprint, con l’ammiraglia della “Firenze” che nel frattempo sfilava gli avversari piombando sul traguardo con poco meno di sei secondi sulle Fiamme Gialle e circa nove sul Gavirate di bronzo.

 

A questi due tricolori si aggiunge nella bacheca biancorossa l’argento del due senza Under 23 femminile di Beatrice Arcangiolini e Lucrezia Fossi, che cede per tre secondi solo al forte equipaggio del Gavirate, mentre a completare il podio chiudono le romane del Tirrenia Todaro.

 

Gli altri risultati ottenuti dalla Canottieri a Sabaudia nelle finali: tra i Ragazzi è sesta Chiara Arcangiolini nel singolo Femminile e settimo il quattro senza di Lombardi, Mancusi, Merenda e Morescalchi; tra gli Under 23 chiude al quinto posto il quattro con di Mancini, Dini, Favilli, Corenich e tim. Mancusi e al sesto il due con di Braghiroli e Mori ancora con 

timoniere Mancusi.

 

 

Adesso, mentre i Master della “Firenze” si preparano ai Campionati Italiani di categoria in programma a San Miniato questo fine settimana, i big iniziano a concentrarsi sull’imminente stagione internazionale: Arcangiolini e Oppo sono in raduno a Piediluco in vista della tappa di Coppa del Mondo a Lucerna, Caselli è impegnato questo weekend ad Aiguebelette nella tappa di Coppa del Mondo nel singolo Para-rowing AS, mentre sono tanti gli Junior e Under 23 biancorossi che continueranno ad allenarsi a casa in attesa dell’ufficializzazione delle convocazioni azzurre per i Mondiali di categoria.

 

Niccolò Bagnoli – Ufficio Stampa Società Canottieri “Firenze” –

 

Nelle foto canottaggio.org: il quattro senza e l'otto campioni d'Italia Under 23; il due senza Under 23 femminile sul podio con la medaglia d'argento al collo.


Questo sito utilizza i cookies, tecnici e di terze parti per ottimizzare l'esperienza di navigazione degli utenti connessi.

ACCETTO - DETTAGLI