Firenze, 13 gennaio – Pronti via, ed è subito titolo italiano per la Società Canottieri “Firenze”, che apre il 2015 andando subito a imporsi nel primo appuntamento tricolore della stagione, come da tradizione i Campionati Italiani di Indoor Rowing.

 

Svoltisi quest’anno a Muggia, in provincia di Trieste, i tricolori di remoergometro (il simulatore di voga comunemente utilizzato in tutte le palestre e che nel canottaggio serve per effettuare test fisiologici a terra lungo tutto l’arco della stagione) hanno incoronato campione d’Italia, per il circolo del Ponte Vecchio, Jacopo Mancini.

 

Già campione mondiale Junior, pluricampione d’Italia e azzurro nel 2014 ai Mondiali Under 23 sul doppio, Mancini a Muggia domina la gara della sua categoria, lasciando a cinque secondi e mezzo Dino Pari dell’Orbetello e Emanuele Gaetani Liseo della palermitana Telimar a oltre dodici secondi.

Il tricolore conquistato a Muggia permette a Jacopo di aprire il 2015 così come aveva chiuso il 2014 – campione italiano di Gran Fondo in singolo Under 23 lo scorso 16 novembre – e conferma un suo certo feeling con il Friuli Venezia-Giulia: il titolo di Fondo di novembre fu conquistato a San Giorgio di Nogaro, in provincia di Udine.

 

La spedizione biancorossa nella provincia triestina non si ferma al titolo di Mancini: Leonardo Pietra Caprina, argento e bronzo nelle ultime due edizioni dei Mondiali Junior, si conferma una stella della propria categoria, cogliendo l’argento a otto secondi dal compagno di Nazionale Emanuele Fiume, pugliese della Pro Monopoli. Il giovane allievo di Luigi De Lucia non ha problemi a contenere Enrico Flego della società triestina Saturnia, bronzo a nove secondi in quella che è stata tra le gare più partecipate, con ben 31 atleti al via.

 

La gara più partecipata agli Italiani Indoor è stata però quella Ragazzi, con 50 atleti al via. Ed è qui che la “Firenze” purtroppo coglie una beffa: Federico Dini, all’esordio nella categoria, resta ai piedi del podio della gara con più atleti allo start per appena un secondo e quattro decimi. Un quarto posto che brucia, ma che dice tanto su quello che può essere il futuro del giovanissimo canottiere fiorentino.

 

Infine per la Canottieri “Firenze” altri due piazzati nella categoria Pararowing ID (i disabili intellettivi): quinto Damiano Di Iorio, undicesimo Matteo Bulli.

 

Niccolò Bagnoli – Ufficio Stampa Società Canottieri “Firenze” – 


Nelle foto canottaggio.org: Jacopo Mancini in azione e poi con maglia e medaglia d'oro di campione d'Italia Under 23; Leonardo Pietra Caprina (primo da dx) sul podio della gara Junior con l'argento al collo.



Questo sito utilizza i cookies, tecnici e di terze parti per ottimizzare l'esperienza di navigazione degli utenti connessi.

ACCETTO - DETTAGLI