Un weekend dolce e al tempo stesso amaro quello appena scivolato via per la Società Canottieri “Firenze”, impegnata su due fronti: a Trakai, in Lituania, dove Federico Dini era impegnato sull’otto azzurro ai Campionati Europei Junior e a Sabaudia, dove è andato in scena il Festival dei Giovani, la principale manifestazione nazionale per Allievi e Cadetti, alla quale quest’anno era abbinata una gara nazionale Para-rowing.

Dalla Lituania giunge l’amaro. Dini, quest’anno già due volte campione d’Italia categoria Ragazzi, arriva quarto sull’otto, dov’era al sesto carrello, alle spalle di Germania, Olanda e Romania. Quasi sempre a ridosso se non in zona medaglia, l’ammiraglia degli azzurrini, molto giovane d’età (tutti primo anno Junior se non, come il biancorosso, ancora secondo anno Ragazzi), alla fine è costretta a cedere il passo all’armo rumeno, bronzo per poco più di due secondi. L’amaro comunque per Dini non è poi molto, se si pensa che è ancora categoria Ragazzi e che era alla prima presenza in azzurro. Questo piazzamento lo consegna comunque di diritto nel novero degli atleti Junior che, salvo sorprese, a fine agosto rappresenteranno l’Italia ai Mondiali di categoria a Rotterdam, in Olanda.

Parallelamente a Trakai, i giovanissimi del sodalizio biancorosso si trovavano a Sabaudia per il Festival dei Giovani e la gara nazionale Para-rowing, cogliendo due vittorie, un argento e due bronzi. I due successi sono firmati da Leonardo Mancini, medaglia d’oro sull’otto della Toscana nelle regate riservate agli equipaggi regionali davanti alle ammiraglie di Lazio e Lombardia, e da Fabrizio Caselli che nel singolo Para-rowing AS (voga solo braccia e spalle) batte Marco Del Bene del Pontedera e Tmariam Gebreab Tewodros della Rumon, un successo che il singolista biancorosso mugellano coglie a meno di due mesi dai Giochi Paralimpici di Rio de Janeiro che lo vedranno protagonista in maglia azzurra.

La medaglia d’argento è firmata dal due senza Cadetti dello stesso Mancini con Andrea Raimondi, che chiudono alle spalle del CUS Torino, mentre i bronzi li conquistano il doppio Allievi C di Francesco Poccianti e Marco Artoshi Bejar, alle spalle di Arolo e San Giorgio, e il singolo 7.20 Allievi B2 di Milo Zappoli, terzo dietro i portacolori di Pontedera e Sile Treviso. 

Ufficio Stampa Società Canottieri “Firenze”


Questo sito utilizza i cookies, tecnici e di terze parti per ottimizzare l'esperienza di navigazione degli utenti connessi.

ACCETTO - DETTAGLI